Se non ora, quando? Sempre, in poesia.

Roy Lichtenstein

DA “CENTO QUARTINE” – PATRIZIA VALDUGA
V
Baciami, dammi cento baci, e mille:
cento per ogni bacio che si estingue
e mille da succhiare le tonsille,
da avere in bocca un’anima e due lingue.

VI
Oh sì, accarezza dolcemente, sfiora,
ma minaccia ogni furia e ogni violenza;
lentamente…non dentro, non ancora…
portami a poco a poco all’incoscienza.

1914 – ANNA ACHMATOVA
Non è il tuo amore che domando.
Si trova adesso in luogo conveniente.
Stanne pur certo, lettere gelose
non scriverò alla tua fidanzata.
Però accetta dei saggi consigli:
dalle da leggere i miei versi,
dalle da custodire i miei ritratti,
sono così cortesi i fidanzati!
e conta più per queste scioccherelle
assaporare a fondo una vittoria
che luminose parole di amicizia,
e il ricordo dei primi, dolci giorni…
Ma quando con l’amica diletta
avrai vissuto spiccioli di gioia
e all’anima già sazia d’improvviso
tutto parrà un peso,
non accostarti alla mia notte trionfale,
non ti conosco.
E in cosa potrei esserti d’aiuto?
Dalla felicità io non guarisco.

DONNA SENZA FIGLI – SYLVIA PLATH
Il ventre,
scuote il suo baccello, la luna
si distacca dall’albero senza una meta.

Il mio paesaggio è una mano senza linee,
le strade avviluppate in un nodo
il nodo io,

io la rosa che tu conquisti –
Questo corpo,
questo avorio

empio come il grido di un bambino.
Simile a un ragno, filo specchi,
fedele alla mia immagine,

non emettendo altro che sangue –
Assaggialo, rosso cupo!
E la mia foresta

mio funerale,
e questa collina e queste
luccicanti bocche di cadaveri.

CASALINGA – ANNE SEXTON
Certe donne sposano una casa.
Altra pelle, altro cuore
altra bocca, altro fegato
altra peristalsi.
Altre pareti:
incarnato stabilmente roseo.
Guarda come sta carponi tutto il giorno
a strofinar per fedeltà se stessa.
Gli uomini c’entrano per forza,
risucchiati come Giona
in questa madre ben in carne.
Una donna è sua madre.
Questo conta.

Quattro donne, quattro poetesse del Novecento. La lista delle escluse è troppo lunga. Ho preso a caso alcune delle più belle per celebrare corpo e mente delle donne.

Annunci
Questa voce è stata pubblicata in Citazioni, Poesia e contrassegnata con , , , . Contrassegna il permalink.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...